Il Mugello

Il Mugello

Spostandosi da Firenze in direzione nord si va verso il Mugello. La prima tappa è il paese di Pratolino che venne comprato nel XVI secololo da Francesco I de’Medici per costruirci la Villa Demidoff da Bernardo Buontalenti di cui è rimasto soltanto un bellissimo parco, il cosiddetto Parco Demidoff. Da qui si arriva al Castello del Trebbio, nelle vicinanze di S. Piero a Sieve che venne costruito verso la metà del XV secolo da Michelozzo Michelozzi sulle rovine di una residenza estiva dei Medici. La prossima tappa, sempre in direzione nord verso Barberino di Mugello, si trova la seconda residenza estiva dei Medici, la Villa di Cafaggiolo. Prima che Cosimo il Vecchio la facesse cambiare da Michelozzo in una villa, essa era una fortezza fiorentina della quale è rimasta la torre. Opera di Buontalenti è anche la Fortezza di San Martino che domina San Piero a Sieve, il cui committente fu Cosimo de’ Medici. Ancora un’altra villa medicea di Buontalenti è la Villa Medicea della Petraia (6km da Firenze, direzione sesto Fiorentino) che originariamente era un castello medievale. La residenza dei Medici più bella però è la Villa Medicea di Poggio a Caiano (17km da Firenze in direzione Prato), costruita tra il 1480 ed il 1485.

Il punto più esposto al nord che andiamo a visitare nel Mugello è Barberino di Mugello, un borgo medieale ai piedi di un castello costruito nel XII. sec. dai Cattani di Cambiate. Da vedere sono il Palazzo Pretorio e la Torre dell’OrologioScarperia si trova poco al nord-est di Barberino di Mugello nella valle del Mugello. Il borgo venne fondato nel XIV secolo dai Fiorentini e nel corso degli anni divenne una città importante nei commerci. Da quei tempi fiorenti derivano il Palazzo dei Vicari con un’alta torre merlata e stemmi. Di fronte si trova l’Oratorio rinascimentale della Madonna di Piazza e fuori le mura si trova l’Oratorio della Madonna dei Terramoti: da vedere gli affreschi di Filippo Lippi. Scarperia è particolarmente conosciuta per l’artigianato dei “ferri taglienti”, dei quali si possono vedere una collezione nel MuseoBorgo San Lorenzo si trova andando verso sud-est, nella Valle di Sieve ed è il centro prinicipale del Mugello. Già nel medioevo era importante come comune indipendente. Nel 1290 cadde sotto la dominazione dei Medici. Nel 1351 vennero costruite le mura attorno alla città di cui sono rimaste le due porte. Nel centro sono la chiesa romanica di S. Lorenzo con un campanile esagonale. Da Borgo San Lorenzo, continuando ancora verso sud-est, si arriva a Vespignano dove, secondo molte supposizioni, si trova la casa natale di Giotto (1267-1337). Sulla piazza Dante Alighieri si trova la Badia di San Godenzo fondata nel 1029 dal vescovo Iacopo il Bavaro. Essa conserva le reliquie del patrono di San Godenzo. Vicino si trova il Monte Falterone da cui nasce il fiume Arno. Spostandosi in direzione sud ci arriva a Rùfina, conosciuta per la produzione del vino DOC Chianti. Sopra il paese si trova la Villa Medicea di Poggio Reale della fine del XIV sec., al cui interno si trova il Museo della Vite e del Vino dove vengono date ampie spiegazioni sulla coltivazione delle viti e sulla vinificazione. Oltre a questo si può ammirare una collezione di bicchieri da vino del XVIII sec.

2015-01-11T19:34:50+00:00 1 gennaio 2011|Firenze, Scoprire la Toscana|0 Commenti

Scrivi un commento