La città di Pistoia

Home/Scoprire la Toscana/Pistoia/La città di Pistoia

La città di Pistoia

Nel XII secolo iniziò a diventare un potente centro del commercio, prestando soldi agli aristocratici. Nel XIV secolo però perse tutta la sua importanza, diventando dipendente da Firenze. Il duca di Ferrara provò nel 1466 di togliere ai Fiorentini Pistoia. Papa Clemente VII fondò nella prima metà del XVI secolo il Granducato Pistoia governato dai Medici e per sotto il Granducato di Toscana.
Al centro di Pistoia si trova la Piazza del Duomo, una delle piazze più belle d’Italia. Essa viene racchiusa dal Duomo San Zeno, che risale al XII secolo in stile romanico, nonché il Campanile. Accanto al Duomo il Palazzo dei Vescovi del XI secolo, oggi sede del Museo della Cattedrale di S. Zeno.
Di fronte il Battistero gotico, la cui costruzione fu secondo il progetto di Andrea Pisano e terminò nell’anno 1359. La facciata è rivestita di marmo bianco e verde e ricorda il Battistero a Firenze.

Cattedrale di San Zeno a Pistoia

Cattedrale di San Zeno a Pistoia

Vicino, il Palazzo della Podestà del XIV secolo che oggi ospita il Tribunale.
Il Palazzo Comunale si trova di fronte e fu costruito dalla fine del XIII secolo fino alla metà del XIV secolo. Oggi è sede del Museo Civico con una collezione d’arte cittadina come la collezione Puccini oppure ladocumentazione sull’architetto Giovanni Michelucci. Da qui porta una piccola stradina al Palazzo Rospigliosicon il Museo Rospigliosi e il Nuovo Museo Diocesano. All’interno si può ammirare il tesoro del duomo, nonché la parte abitativa del Papa Clemente con un importante collezione di dipinti. Ci sono tre sale adibite al Museo Diocesano con dei oggetti della vita sacrale di Pistoia. In direzione nord – ovest si trova l’ex orfanotrofio l’Ospedale del Ceppo del XIII con la sua facciata particolare. Ottenne il suo nome da un ceppo vuoto nel quale si mettevano le offerte. Proseguendo ancora più in direzione ovest, si arriva alla Chiesa di S. Andrea, con il pergamo, capolavoro di Giovanni Pisano.

Battistero di San Giovanni in corte a Pistoia

Battistero di San Giovanni in corte a Pistoia

La Basilica della Madonna dell’Umiltà fu costruita dal 1495 da Ventura Vitoni. Dopo la sua morte terminò Giorgio Vasari nel 1522 i lavori di costruzione. Come fa capire già il nome della chiesa San Giovanni Fuorcivitas, quando fu costruita, si trovò ancora fuori le mura cittadine. All’interno della chiesa si può ammirare tra l’altro l’acquasantiera di Giovanni Pisano dell’anno 1270. La cappella S. Antonio del Tau venne fondata nel XIV dai frati del Tau. Il nome “tau” significa in greco “T”. I frati portarono sui loro abiti una croce in forma di una “T”. All’interno della cappella si trovano interessanti affreschi , tra i quali anche la creazione della terra. La chiesa romanica di San Bartolomeo, fondata nel I secolo, si trova nell’omonima piazza. La chiesa ospita un pulpito gotico di Guido da Como. Ogni anno alla fine di Luglio si svolge sulla Piazza Duomo “La Giostra dell’Orso“.

2015-01-10T17:50:05+00:00 26 settembre 2010|Pistoia, Scoprire la Toscana|0 Commenti

Scrivi un commento